Segnalazione notizie
Richiesta informazioni
Lettere alla redazione
Forum
Notiziario Agenda Tempo Libero Storia Comuni Immagini Aziende Associazioni Sport Contatti
 
Valle Olona
Le Pro Loco, arma in più dell'Ecomuseo
Il nuovo progetto all'esame del Coordinatore di bacino

18 Gennaio 2013 - Nel progetto per rilanciare l'Ecomuseo della Valle Olona, pronto a confrontarsi con le prime vere sfide, un ruolo cruciale è affidato alle Pro Loco di ciascun paese aderente all'iniziativa, sia per il fondamentale ruolo di collegamento tra il Comitato e il territorio sia per l'impagabile bagaglio di conoscenze e competenze locali. Già da qualche tempo impegnate a stringere rapporti a livello intercomunale, l'estensione di questo processo può garantire un primo importante salto di qualità. Gli ostacoli tuttavia non mancano, anche solo per abitudini radicate negli anni e difficili da abbandonare.

"Per quanto mi riguarda, forse non è il momento migliore per affrontare questo argomento, perché a breve ci sarà la riunione di bacino e non so se verrò confermato – spiega Agostino Alloro, Coordinatore delle proloco di bacino VA/7 -. In ogni caso, ogni Pro Loco resta indipendente e io posso agire soprattutto come portavoce, anche se personalmente sono molto favorevole al progetto".

Tra i protagonisti della precedente esperienza finita male, il Coordinatore resta comunque pronto a sostenere in prima persona il ritorno dell'Ecomuseo e invitare le Associazioni a fare altrettanto: "Potrebbe essere una buona occasione per mettere insieme tante realtà e raggiungere risultati importanti – prosegue Alloro -. Aspettiamo di vedere l'esito dell'incontro di venerdì 18 gennaio e poi sulla base delle adesioni dovremo decidere come muoverci".

A propendere per un moderato ottimismo possono contribuire le attività svolte negli ultimi anni, dove una crescente collaborazione ha permesso di raggiungere obiettivi significativi, come per esempio Girinvalle nella zona del Medio Olona o collaborazioni tra Associazioni per lo scambio di figuranti o competenze specifiche. Per contro, questa realtà spesso si presenta a macchia di leopardo, con qualche Pro Loco ancora perplessa. "E' una delle ragioni che ha contribuito al fallimento dell'esperienza precedente – riprende Alloro -. Ci sono comunque stati momenti molto interessanti, come uno dei primi incontri a Castellanza, dove la presenza si era rivelata massiccia. Da lì, non si è riusciti a proseguire come si voleva, ma è comunque un'esperienza che può tornare utile".

In particolare, anche in questo contesto si conferma la sensazione di non dover più cadere nell'errore di affidare tutto il peso alle Amministrazioni e restare immobili in attesa delle loro decisioni. "Si erano delineati due elementi trainanti, Castiglione Olona e Castellanza. Poi, il desiderio di prendere il controllo e l'attesa di arrivare a una decisione hanno fatto franare tutto".

Anche per questo, l'attuale impostazione di considerare tutti (singoli, Associazioni, Amministrazioni) importanti e nessuno indispensabile è considerata un buon punto di partenza. "A suo tempo, ci era sembrato un progetto calato dall'alto, dove tanti ruoli non erano ben definiti. Io, come tanti, ci siamo guardati in faccia per capire quale fosso il nostro ruolo, senza arrivare a una conclusione".

D'altra parte, proprio grazie a tante Pro Loco buona parte del lavoro per l'approdo all'Ecomuseo era stato messo in cantiere e in qualche caso si erano già raggiunti i primi risultati. Tutto lavoro da recuperare e utile a indicare una traccia iniziale. "Avevamo realizzato un guida turistica del territorio, e in diversi casi credo che il 90% del materiale utile all'Ecomuseo fosse già pronto".

Un ottimo punto di partenza per rendere il dovuto merito a chi ha profuso impegno in un progetto che ha visto arenarsi, ma soprattutto per un'idea la cui sfida principale è crescere con costi minimi. "C'era anche il timore di dover sostenere spese in conto alla propria Pro Loco – conclude Agostino Alloro -. Tutto questo ha contribuito a creare aspettative sbagliate, ma ora con tutti i requisiti di democrazia, dove nessuno persegue interessi personali, sono pronto a sostenere l'idea".

Volete dire la vostra?

In bacheca c'è sempre posto

 
Scaricate l'articolo in formato pdf
 
 
Ricerca personalizzata
Volete essere sempre aggiornati sulle ultime novità? Iscrivetevi alla newsletter
 
Notiziario   Home Page